• it

Un progetto ‘site-specific’ per Cartigliano

L’acqua che tocchi de’ fiumi è l’ultima di quella che andò e la prima di quella che viene. Così il tempo presente.
(Leonardo da Vinci, Pensieri).

 

MEDOACUS, A PASSO D’ACQUA è il nuovo progetto di relazione tra territorio, teatro e musica che la nostra compagnia teatrale sta realizzando in collaborazione con l’Operaestate Festival Veneto, il Comune di Cartigliano e il fondamentale contributo del Gruppo Tutela Ambiente Cartigliano “Amici del Brenta”.

Un attento lavoro ‘site-specific’ di studio e scrittura, che da oltre due mesi prosegue attraverso ricerca e interviste, sopralluoghi e incontri che verrà restituito al pubblico in forma di passeggiata teatral-musicale lungo l’area naturalista “le Basse” nell’alveo del Brenta di Cartigliano, oggetto da tempo di un eccezionale impegno di ripristino e valorizzazione.

testi e regia di Filippo Tognazzo
con Valerio MazzucatoCarola Minincleri ColussiMarica RamazzoFilippo Tognazzo
musiche a cura di Francesco Anese (violino), Emiliano Martinelli (arpa), Sara Pozzato (flauto traverso), Ivan Tibolla (fisarmonica)

guida spettatori Edy Fantinato e Silvia Del Vecchio, ricercatori in Ecologia Vegetale all’Università Ca’ Foscari Venezia
Giulia Silan, dottoranda di Ricerca in Scienze Ambientali

a cura di Zelda – compagnia teatrale professionale

ingresso unico 10 euro
con prenotazione obbligatoria
partenza gruppi dalle ore 16.00 e ogni 20 minuti
dal parcheggio al termine di Via delle Industrie

in caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà in Villa Morosini Cappello

Biglietteria del Festival 0424 524214 
via Vendramini 35 Bassano 
Orari: dal lunedì al sabato 9.30/12.30-15.30/18.30 
operaestate@comune.bassano.vi.it

Lì dove l’alveo del Brenta raggiunge la massima larghezza, si estende l’area naturalistica “Le Basse”, vero e proprio polmone verde, unica oasi sfuggita alla cementificazione selvaggia che ha trasformato il volto di una zona ambientale di grande pregio storico e naturalistico. Dove uomo e natura da secoli convivevano e collaboravano, il boom economico si è imposto con un proliferare di strade e zone industriali, in un continuum periferico tra Cartigliano e Tezze sul Brenta. Una zona teatro di importanti avvenimenti storici: qui, l’esercito romano diede battaglia agli Ungari, frenandone la calata. E inoltre un patrimonio culturale della civiltà contadina, che seppe svilupparsi nonostante i cicli alluvionali del Brenta, grazie alla costruzione di sistemi di argini. Da un punto di vista naturalistico, il valore ecologico della sua biodiversità di specie animali e vegetali è patrimonio comunitario, di cui si prende cura con passione il Gruppo Tutela Ambiente Cartigliano “Amici del Brenta”. I suoi volontari accompagneranno il pubblico di Operaestate in un’esperienza immersiva nell’arte e nella natura; una camminata in ascolto, a passo d’acqua, lento, costante, dimenticando il caos quotidiano per riavvicinarsi al fiume e al silenzio. In un paesaggio d’incomparabile bellezza, gli spettatori incontreranno otto artisti e le loro parole, fra musiche, poesie, storie, leggende e fatti di cronaca. Un’esperienza unica dove ambiente e cultura s’intrecciano tra grandiosi filari di alberi, macchie di verde, zone umide oggetto di un eccezionale impegno di recupero e valorizzazione.

2018-08-23T09:56:23+00:00 17 agosto 2018|
X

Questo sito utilizza cookies tecnici necessari al suo funzionamento.
Per offrirti il miglior servizio possibile sono stati implementati anche cookies di terze parti a solo scopo statistico e continuando la navigazione o cliccando su OK ne autorizzi l'uso.
Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi